borgo medievale degli opifici centro rafting mulino carlani chiesa di san lorenzo monastero di san benedetto cappella della madonna monastero di san benedetto chiesa superiore monastero di santa scolastica chiostro cosmatesco monastero di santa scolastica chiostro gotico ponte medievale di san francesco la rocca dei borgia sala dei banchetti la rocca dei borgia sala della commenda la rocca dei borgia vista dell'orologio

Borgo Medievale degli Opifici.

Mulino Carlani - Centro rafting.

Chiesa di San Lorenzo.

Monastero di San Benedetto
Cappella della Madonna.

Monastero di San Benedetto
La Chiesa Superiore.

Monastero di Santa Scolastica
Il Chiostro Cosmatesco.

Monastero di Santa Scolastica
Il Chiostro Gotico.

Ponte Medievale di San Francesco.

Rocca dei Borgia
Sala dei Banchetti.

Rocca dei Borgia
Sala della Commenda.

Rocca dei Borgia
Il Giardino dell'Orologio.

DAL 1465 AL 2015: BREVE STORIA DI SUBIACO, CULLA DELLA STAMPA ITALIANA

Pubblicato il 23/03/2015 15:00

DAL 1465 AL 2015: BREVE STORIA DI SUBIACO, CULLA DELLA STAMPA ITALIANA

550 Anni dal primo libro stampato in Italia, sarà questo il tema di “Subiaco 2015”, la serie di iniziative nel corso dell’intero anno volte a ricordare e celebrare l’ importante primato che vide Subiaco al vertice della cultura nazionale italiana, quello della stampa del primo libro a caratteri mobili.  

Tutto ebbe inizio dopo il sacco di Magonza, nel 1462, quando gli allievi di Gutenberg si dispersero per tutta Europa dopo aver appreso ed imparato una delle scoperte più sensazionali del periodo: la tecnica della stampa a caratteri mobili.

Due di loro, Pannartz e Sweynheym, attratti da un cospicuo gruppo di monaci tedeschi, si diressero a Subiaco nel venerabile Monastero di Santa Scolastica, impiantando una vera e propria tipografia e stamparono qui i primi incunaboli d'Italia.

 

 Allora, il  procedimento della stampa, consisteva nell'allineare i singoli caratteri in modo da formare una pagina che veniva cosparsa di inchiostro e pressata su un foglio di carta o di pergamena. Per sopportare il peso della stampa, la lega tipografica dei caratteri era formata da piombo, antimonio e stagno e raffreddava velocemente. La macchina utilizzata per la stampa era derivata dalle presse a vite usate per la produzione del vino: questo permetteva di applicare velocemente e con pressione uniforme, l'inchiostro sulla pagina.

La prima opera stampata tra le mura del monastero, purtroppo andata perduta, fu una grammatica latina di Elio Donato: "Donatus Pro Puerilis", una grammatica per i bambini; dopo questa, seguirono rapidamente il “De Divinis Institutionibus” del Lattanzio, il “De Civitate Dei” di Sant' Agostino e il “De Oratore” di Cicerone, tutti con una tiratura di 275 copie.

Nel 1467  i due stampatori si diressero a Roma lasciando a Subiaco il vanto di culla della stampa italiana.

 

SUBIACO TYPE

Lo stile del carattere impiegato da Gutenberg era una copia perfetta della scrittura adottata dai calligrafi a lui contemporanei, la Gotica Textura.

Le lettere dello stile gotico sono caratterizzate da una minore spaziatura e si riduce anche lo spazio tra le righe; l'effetto che si ottiene è quello di una scrittura alta e spigolosa, molto elegante ma scura e di difficile lettura. Per questo motivo, questo stile viene chiamato anche "Black letters" - Lettere nere.

Quando la stampa arrivò in Italia, i tipografi erano a contatto con un clima culturale totalmente diverso da quello germanico, che portò ad un nuovo approccio ed a nuove soluzioni stilistiche passando dalle "lettere nere" ad uno stile più tondeggiante influenzato dalle linee classiche dell'umanesimo Italiano che favorirono una lettura più fluida ed un’alfabetizzazione di massa più rapida. 

La prima forma di carattere latino si ebbe proprio nella tipografia di Subiaco!

Il carattere utilizzato fu classificato per molto tempo con il nome di “Sant'Agostino” dall'edizione del De Civitate Dei stampata a Subiaco nel 1467, oggi è conosciuto a molti con il nome di "Subiaco type": un passaggio obbligato ed importantissimo tra i due stili gotico e romanico.

News ed eventi