borgo medievale degli opifici centro rafting mulino carlani chiesa di san lorenzo monastero di san benedetto cappella della madonna monastero di san benedetto chiesa superiore monastero di santa scolastica chiostro cosmatesco monastero di santa scolastica chiostro gotico ponte medievale di san francesco la rocca dei borgia sala dei banchetti la rocca dei borgia sala della commenda la rocca dei borgia vista dell'orologio

Borgo Medievale degli Opifici.

Mulino Carlani - Centro rafting.

Chiesa di San Lorenzo.

Monastero di San Benedetto
Cappella della Madonna.

Monastero di San Benedetto
La Chiesa Superiore.

Monastero di Santa Scolastica
Il Chiostro Cosmatesco.

Monastero di Santa Scolastica
Il Chiostro Gotico.

Ponte Medievale di San Francesco.

Rocca dei Borgia
Sala dei Banchetti.

Rocca dei Borgia
Sala della Commenda.

Rocca dei Borgia
Il Giardino dell'Orologio.

Le meraviglie sublacensi; come, dove e quando visitarle.

Pubblicato il 19/07/2017 15:16

a cura di Alex e Gabriele

 

ARCO TRIONFALE
La decisione della comunità sublacense di erigere l’arco trionfale risale all’anno 1787 in onore di Giovannangelo Braschi, poi diventato Papa Pio VI. La spesa per la realizzazione dell’arco si aggirava intorno ai 6683 scudi, comprensiva di tutti i materiali edili e del lavoro delle maestranze,muratori,scalpellini e chiavàri. L’opera realizzata con il travertino e palombino estratti dalla cava del Monte Affilano, si presenta in tutta la sua imponenza, in un’unica arcata a tutto sesto, sormontato dal grande stemma di Pio VI, e munito di due iscrizioni latine, in piombo, che enumerano i benefici del Pontefice a favore di Subiaco, definito “restitutor et locupletator”.  Si trova nel Corso Cesare Battisti nel centro abitato di Subiaco.
ROCCA ABBAZIALE 
La Rocca Abbaziale fu costruita nel XI secolo, più precisamente tra il 1073 e il 1077, dall’abate di Santa Scolastica Giovanni V, allo scopo di instaurare sul castello di Subiaco il dominio monastico. La Rocca, munita di fortificazioni di una possente torre e di carceri, fu arricchita di stanze ed appartamenti e di una piccola chiesa dedicata a San Tommaso apostolo. Dopo il terremoto del 1349, i sublacensi si ribellarono al regime dell’abate. La tensione tra popolazione e abbazia determinò l’intervento di Papa Calisto III, che nominò il cardinale Torquemada “Commendatario” e destituì l’abate. Lavori più radicali furono eseguiti nel 1476 dal cardinale Rodrigo Borgia, successore di Papa Pio II, il quale nella parte orientale elevò una fortificata torre quadrangolare. Quando Rodrigo divenne papa, la Rocca e commenda sublacense passarono al cardinale Giovanni Colonna, il cui dominio si prolungò per 116 anni. Nel 1915 la commenda venne soppressa per volere di Papa Benedetto XV e la Rocca restituita definitivamente all’abate di S.Scolastica. E’ visitabile tutti i sabati, domeniche e festivi dalle ore 10:00 alle ore 20:00.
CHIESA DI SANT’ANDREA
Nell’area dove oggi sorge la chiesa di Sant’Andrea anticamente sorgeva un’altra chiesa dedicata a San Abondio.Tutti gli affreschi andarono distrutti con la costruzione della nuova chiesa. La cattedrale originale era stata realizzata completamente in cardellino,purtroppo nel 1944 con i bombardamenti andò quasi completamente distrutta. La chiesa di oggi  è stata ricostruita in parte con i resti dei materiali precedenti e in gran parte con nuovi materiali. La pianta conserva l’antica struttura a croce latina. La chiesa è ricca di opere d’arte di vari artisti come Sebastiano Conca, Bernardo Cavallini, Cristoforo Unterperger e Carlo Dolci. E’ situata in Piazza Sant’ Andrea ed è visitabile tutti i giorni .
PONTE DI SAN FRANCESCO
Questo ponte ha una caratteristica arcata “a schiena d’asino” su un’unica arcata ampia ben 37 metri. Il materiale usato è costituito da blocchi di pietra cardellino. Un’altra sua caratteristica è la torre di guardia, posta all’inizio del ponte. In seguito allo scontro avvenuto nel 1358 nei pressi di Campo d’Arco tra le truppe tiburtine e quelle agli ordini dell’Abbazia sublacense, molti tiburtini furono catturati e di essi si chiese un grosso riscatto puntualmente pagato, il che permise la costruzione del ponte . Il ponte prende il nome dal convento omonimo situato poco distante oltre la sponda. Visitabile autonomamente presso Corso Cesare Battisti.
CHIESA DI SAN LORENZO
Nella seconda metà del IV secolo in località Pianello, per iniziativa del patrizio romano Narzio, il quale possedeva intorno a Subiaco vasti appezzamenti di terreno, fu eretto il primo luogo di culto. Il 10 agosto 369 Narzio dedicò la chiesa al culto di San Lorenzo e donò tutti i suoi beni ai custodi della chiesa e agli abitanti di Pianello. Oggi sugli spalti di una roccia strapiombante sull’Aniene vi è la chiesa che costituisce un rifacimento di quella che fu la più antica chiesa di Subiaco. Al suo interno costudisce un affresco della Crocifissione del XIV secolo ed alcune pitture di Bartolomeo Postiglione. Si trova in Contrada San Lorenzo. 
BORGO MEDIEVALE DEGLI OPIFICI
Il Borgo Medievale degli Opifici rappresenta il centro storico della città di Subiaco nella zona che va da Piazza Sant’Andrea fino a Piazza Benedetto Tozzi. Nei suoi vicoli fino a qualche anno fa avevano sede le antiche botteghe artigiane del paese. Situato in Via Degli Opifici ed è visitabile autonomamente.
CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VALLE
Originariamente questa chiesa si trovava in contrada Oliveto Piano, sorta nel IV secolo, poi però venne rasa al suolo dal terremoto del 1298. Successivamente fu ricostruita sullo stesso colle. Nell’anno 1773 Papa Pio VI ritenne che la chiesa dell’Oliveto Piano fosse poco accessibile per gli abitanti della zona e ordinò la costruzione di una nuova chiesa. I lavori iniziarono nel 1798 e terminarono nel 1851. Nel 1870 venne dotata dal cardinale Carmine Gori Merosi della facciata che la caratterizza, a due piani: il primo, con quattro colonne in stile toscano; il secondo in stile ionico con al centro un grande finestrone. La chiesa ha una struttura a croce greca in puro stile neoclassico e all’interno custodisce una tela della Madonna Assunta(XIV sec) che viene festeggiata dai fedeli il 14 agosto e una statua in legno raffigurante la Madonna del Soccorso(XI sec).  E’posta in Piazza Santa Maria della Valle.
PIAZZETTA PIETRA SPRECATA
Nei secoli XIV-XVI la piazzetta Pietra Sprecata era un luogo molto importante di Subiaco perché situata vicino alle strade principali del paese. I motivi architettonici medievali fanno della piazzetta un luogo altamente suggestivo: su uno dei due archi gotici si trova un affresco del XIV secolo che ritrae il Salvatore tra San Benedetto e San Francesco d’Assisi, mentre l’altro arco gotico si trova a sinistra di un pilastro dove si nota un’edicola che custodisce l’affresco della Madonna della Pietà. 
CONVENTO DI SAN FRANCESCO
Nell’anno 1223 Francesco d’Assisi in occasione di una visita al Sacro Speco di Subiaco, ricevette in dono dall’Abate di Santa Scolastica un antico oratorio di campagna, situato sulla riva sinistra del fiume Aniene. La costruzione risale al 1327 e mostra elementi romanico gotici ben marcati. La Chiesa è formata da una sola navata e con volta a capriate. E’ il convento più antico della regione sublacense. Sull’altare maggiore si leva un grande trittico di Antoniazzo Romano, uno dei più noti esponenti della pittura romana del ’400 e una cappella decorata con affreschi del Sodoma e della sua scuola. Il convento è dotato di una Biblioteca conventuale nata nel XIV secolo con testi patristici, biblici e liturgici. Si trova in Via San Francesco ed è visitabile durante la settimana nei giorni martedì, giovedì sabato e domenica alle ore 11 durante la celebrazione della Messa.
 

News ed eventi