borgo medievale degli opifici centro rafting mulino carlani chiesa di san lorenzo monastero di san benedetto cappella della madonna monastero di san benedetto chiesa superiore monastero di santa scolastica chiostro cosmatesco monastero di santa scolastica chiostro gotico ponte medievale di san francesco la rocca dei borgia sala dei banchetti la rocca dei borgia sala della commenda la rocca dei borgia vista dell'orologio

Borgo Medievale degli Opifici.

Mulino Carlani - Centro rafting.

Chiesa di San Lorenzo.

Monastero di San Benedetto
Cappella della Madonna.

Monastero di San Benedetto
La Chiesa Superiore.

Monastero di Santa Scolastica
Il Chiostro Cosmatesco.

Monastero di Santa Scolastica
Il Chiostro Gotico.

Ponte Medievale di San Francesco.

Rocca dei Borgia
Sala dei Banchetti.

Rocca dei Borgia
Sala della Commenda.

Rocca dei Borgia
Il Giardino dell'Orologio.

Percorso Espositivo per il 550° anniversario del primo libro stampato in Italia

Pubblicato il 06/08/2015 15:28

 

Domenica 9 agosto 2015 - ore 18,30 Rocca Abbaziale Subiaco (RM)

Non poteva mancare nell’anno dedicato alle celebrazioni per la nascita della stampa a caratteri mobili in Italia una mostra interamente dedicata ai primi libri stampati e al luogo in cui videro la luce ben 550 anni fa: il Monastero di Santa Scolastica a Subiaco. E infatti domenica 9 agosto alle 18,30 la Rocca di Subiaco ospiterà l’inaugurazione della mostra dall’inequivocabile titolo “Subiaco 1465-2015”. Si tratta di un percorso espositivo con chiari intenti divulgativi che si snoda nelle sale del pian terreno dello storico palazzo (da poco entrato nella disponibilità comunale, dopo essere stato per secoli proprietà dell’Abbazia). Il visitatore, immerso in un ambiente di per sé suggestivo, troverà pannelli descrittivi, ricostruzioni di macchine d’epoca, installazioni e le copie dei due incunaboli sublacensi: il De Oratore e il Lattanzio. Lo scopo della mostra è quello di celebrare l’importante anniversario fornendo una chiave di lettura degli avvenimenti che portarono Subiaco ad essere la culla della stampa in Italia. In pochi passi sarà possibile ripercorrere l’evoluzione di una delle poche, grandi rivoluzioni della storia della cultura. Il progetto dell’allestimento è a cura di Valerio Ottavino e Marco Valentini, che si sono avvalsi della consulenza di Maria Antonietta Orlandi e Donatella Trastulli. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 31 ottobre e sarà visitabile tutti i giorni dal 9 al 23 agosto dalle 10 alle 19 e nei weekend sempre dalle 10 alle 19 per il restante periodo.

News ed eventi