borgo medievale degli opifici centro rafting mulino carlani chiesa di san lorenzo monastero di san benedetto cappella della madonna monastero di san benedetto chiesa superiore monastero di santa scolastica chiostro cosmatesco monastero di santa scolastica chiostro gotico ponte medievale di san francesco la rocca dei borgia sala dei banchetti la rocca dei borgia sala della commenda la rocca dei borgia vista dell'orologio

Borgo Medievale degli Opifici.

Mulino Carlani - Centro rafting.

Chiesa di San Lorenzo.

Monastero di San Benedetto
Cappella della Madonna.

Monastero di San Benedetto
La Chiesa Superiore.

Monastero di Santa Scolastica
Il Chiostro Cosmatesco.

Monastero di Santa Scolastica
Il Chiostro Gotico.

Ponte Medievale di San Francesco.

Rocca dei Borgia
Sala dei Banchetti.

Rocca dei Borgia
Sala della Commenda.

Rocca dei Borgia
Il Giardino dell'Orologio.

Subiaco 2015 al Salone internazionale del Libro di Torino

Pubblicato il 08/05/2015 20:02

Nella giornata di apertura dell’edizione 2015 della kermesse si terrà un incontro sull’evoluzione del libro e della stampa e per tutta la durata del Salone sarà esposto il prezioso incunabolo sublacense.

Da Subiaco a Torino, dagli allievi di Gutenberg all’editoria moderna e digitale.
In occasione del 550° anniversario del primo libro stampato le celebrazioni fanno tappa alla più importante manifestazione italiana dedicata all’editoria: nella giornata inaugurale, il prossimo 14 maggio, si terrà la conferenza “L’evoluzione del libro e della stampa dal De oratore di Subiaco all’ebook”
L’appuntamento è alle ore 17:00 nello stand della Regione Lazio, presso il Padiglione 3. 
Presenti il Sindaco di Subiaco Francesco Pelliccia, l’Assessore Regionale alla Cultura Lidia Ravera e Sira Lozzi, editore e membro del Comitato La Culla della Stampa, che ha curato la ristampa anastatica del De Oratore.
Modera Silvia Bernardi, giornalista de il Sole24ore.
A Torino arriverà, naturalmente, anche il De Oratore di Cicerone, protagonista della conferenza. La copia anastatica del volume, che fu il primo incunabolo sublacense, resterà esposta per tutta la durata del Salone presso lo stand della Regione Lazio.

News ed eventi